<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=3580681&amp;fmt=gif">
Skip to content

La retroilluminazione: cos'è e come funziona

La retroilluminazione è una particolare tipologia di soluzione luminosa che consiste nell’inserire all’interno di un’applicazione una sorgente luminosa in grado di illuminare una determinata superficie, affinché questa luce sia visibile dall’esterno del pannello dell’applicazione.
Quando si pensa ad un progetto, la retroilluminazione non è un parametro essenziale per la creazione stessa di un prodotto, ma è da considerare come un valore aggiunto che conferisce una componente estetica e di design all’illuminazione delle apparecchiature stesse.

Sei interessato ai sistemi di retroilluminazione degli interruttori? Clicca sul bottone qui sotto e leggi il caso studio SLIM per Hager Gallery.

IL CASO STUDIO HAGER GALLERY

La retroilluminazione può essere applicata a qualunque tipo di prodotto: a partire dal settore illuminotecnico civile e industriale fino alle applicazioni per piccoli e grandi elettrodomestici, ma non solo. Si presta per tutte quelle apparecchiature alle quali si vuole aggiungere una componente estetica ed, in alcuni casi, anche funzionale.
Nel 90% dei casi, quando si parla di retroilluminazione, ci si trova di fronte a un progetto custom poichè il cliente richiede solitamente una sorgente luminosa che possa essere collocata in determinati spazi, che si vada a bloccare all’interno dell’applicazione e che abbia una resa luminosa specifica secondo le proprie esigenze.
Vediamo insieme le tipologie di retroilluminazione esistenti.

 

La retroilluminazione con lampade a neon

In passato i progetti di retroilluminazione venivano realizzati attraverso l’impiego di lampade a neon, caratterizzate da una luce a bassa intensità di colore arancio e bassi consumi, con una durata di circa 20.000 ore ed un ingombro voluminoso. Per ottenere un effetto di colore diverso, venivano utilizzate invece le lampade fluo verde caratterizzate da una stessa intensità luminosa delle lampade neon e consumi ridotti.

Le proprietà intrinseche di queste sorgenti, non permettendo una personalizzazione della retroilluminazione, hanno portato all’introduzione di una nuova soluzione che fosse maggiormente adattabile. Proprio per questo è stata introdotta la retroilluminazione a LED.

 

Cos'è la retroilluminazione a LED?

La retroilluminazione a LED è costituita da una sorgente luminosa formata da uno o più LED posizionati all’interno dell’applicazione. Questa tipologia di retroilluminazione ha una resa estetica migliore rispetto a quella con lampade a neon in termini di intensità luminosa, uniformità e colorazione della luce. Chi opta per un sistema di retroilluminazione a LED può scegliere tra una vasta gamma di colori e una maggior personalizzazione della soluzione.

Il LED impiegato può essere quello di un segnalatore standard o LED SMD montato su scheda a circuito stampato (PCB): in questo modo si va ad occupare poco spazio garantendo una performance migliore nel caso in cui sia necessario un ingombro minimo. Uno dei vantaggi della soluzione LED SMD risiede infatti nella possibilità di lavorare in spazi molto ridotti, andando a inserire una luce omogenea a diffusione orizzontale o laterale (in base a come viene applicato sul PCB), esteticamente bella e con durata della sorgente più lunga (pari a una vita di 50.000 ore contro le 20.000 ore delle lampade standard).

 

Retroilluminazione manopole forno

 

Partendo dalla funzione estetica di profilo luminoso, si può abbinare alla sorgente anche un aspetto funzionale: con l’uso della tecnologia RGB e RGBW è possibile associare alla luce colori diversi a seconda dei diversi stati dell’applicazione. Sempre nell’ottica della funzionalità, un altro aspetto importante è la possibilità di inserire il dispositivo di retroilluminazione all’interno della scheda elettronica, in modo che sia sempre acceso oppure in modo che si accenda solo in determinate condizioni da definire in fase di studio iniziale. Nel caso di un profilo luminoso per una macchinetta del caffè, il LED multicolore inserito nell’ingombro potrebbe indicare il riscaldamento dell’acqua con la luce rossa e la disponibilità all’erogazione del caffè con la luce blu.

 

Quali sono gli aspetti da definire per un progetto di retroilluminazione?

Il primo step per andare a definire un progetto di retroilluminazione è la richiesta del cliente.
I parametri di definizione per fornire una specifica tecnica completa sono:

  • il tipo di luce;
  • l’intensità della luce;
  • il colore e la tonalità;
  • la distribuzione della luce omogenea o con spot luminosi;
  • la tensione di funzionamento;
  • la temperatura massima;
  • la posizione della luce;
  • il tipo di fissaggio della sorgente.
Nel caso di un’applicazione customizzata, il cliente deve fornire gli ingombri interni a disposizione in modo che si vada a studiare un plastic case che sia nella forma adatta per essere posizionato, ed eventualmente sostituito, senza problemi in caso sia necessaria la manutenzione dell’apparecchio. Inoltre, essere a conoscenza dell’ingombro interno, è fondamentale anche per poter andare a progettare correttamente il PCB.
 

 

Sei curioso di scoprire cosa possiamo realizzare insieme? Clicca sul bottone qui sotto e valuta la nostra partnership per lo sviluppo di soluzioni di retroilluminazione.

SCOPRI  COME DIAMO LUCE ALLE IDEE!